25/02/2015 Resoconto dell’incontro con l’assessore al lavoro del Friuli-Venezia Giulia

L’Ultima Dea?

In data 25/02/2015 un gruppo composto da ex-dipendenti Eaton (tra cui lo scrivente) ha avuto un incontro a Gorizia con l’Assessore al Lavoro Loredana Panariti. All’incontro doveva partecipare anche una delegazione dei dipendenti della Detroit (ennesima azienda in crisi), ma nessuno si è presentato.

L’ora fissata per l’incontro erano le 10.00, una delegazione è stata accolta verso le 12.00, causa una riunione della giunta che si è prolungata. Abbiamo aspettato due ore all’aperto sotto i portici. Certo è che sarebbe stato cortese, se non educato, farci aspettare all’interno della sede regionale, visto che non mancava un’ampia sala d’attesa discretamente arredata e che non eravamo esattamente una folla; ma va beh, a volte è necessario avere pazienza.

Quello che abbiamo detto noi:

Il primo intervento lo ha fatto Andrea Marcolini che ha riassunto sia Continua a leggere

Status Quo

Ebbene sì, ce l’hanno fatta, la crisi non c’è più, è finita.

Non che le cose stiano migliorando, non c’è luce in fondo al tunnel, solo un’ apertura anale che non si sa dove porti: la crisi è diventata uno status quo, uno stato permanente.
Sempre più imprese chiudono, sempre più disoccupazione eppure nessuno sale sui tetti, non ci sono più forconi nè isole dei cassa-integrati, oramai ci si è fatta l’abitudine.

Credo sia superfluo scrivere sui diritti dei lavoratori e relative reazioni sindacali.

Ebbene sì, niente riesce più ad indignare, abbiamo avuto tre governi non eletti, una legge elettorale incostituzionale ancora in vigore, un premier che non conosce l’inglese, parlamentari che non conoscono l’italiano, scandali, corruzione, un’ingiustizia sociale da vomito e va tutto bene. Tutto è scontato, niente sorprende, Grillo potrebbe tacere, Travaglio cambiare mestiere perchè tanto oramai ‘loro’ regnano per diritto divino.

Ebbene sì, signore e signori, ce l’hanno fatta, hanno riportato l’Italia a quello che era prima della rivoluzione francese, soltanto più sporca e più stanca. Certo, i nobili non si chiamano più conti o marchesi, ma ‘Onorevoli’ o ‘Dirigenti’, ma per il resto sono uguali, fanno le stesse cose, vogliono le stesse cose.

Arriverà una rivoluzione? Ma per favore! Gli italiani hanno sempre subito di tutto e si sono sempre lasciati fare di tutto.

Come sopravvivere? Continua a leggere

Terra, c’è un secondo nucleo molto piccolo nel cuore del nostro pianeta

Terra, c’è un secondo nucleo molto piccolo nel cuore del nostro pianeta

Scienza
Pubblicata sulla rivista Nature Geoscience, la scoperta si deve al gruppo dell’Università dell’Illinois guidato da Xiaodong Song, con la collaborazione dell’università cinese di Nanchino. A rivelare questo ritratto inedito del cuore del pianeta ”non sono state le prime onde sismiche generate dai terremoti, più chiare, ma quelle registrate nella coda dei terremoti, che compiono tragitti più complessi”

LEGGI TUTTO 

Comunalismi…

Bene.

Sto tornando a scrivere dopo mesi di silenzio, un po’ perché ero impegnato sul altri fronti e un po’ perché avevo perso interesse verso il blog.

Ora come ora un po’ di voglia mi è tornata e ne approfitto per buttare giù due righe di commento sulla prima notizia che oggi mi ha stuzzicato.

Articolo da Il Piccolo

 

Come potete vedere nella foto sopra, per iniziativa di Claudia Colecchia, coordinatrice delle biblioteche e delle fototeche dei musei civici e del Revoltella di Trieste “Cercasi volontari appassionati di storia di Trieste e di fotografia per interessante lavoro di catalogazione e riordino”.

Che cosa curiosa. Viviamo in un mondo dominato dal sistema capitalista, hanno fatto di tutto per dare agli Stati Europei un modello liberale, stanno privatizzando ed esternalizzando praticamente tutto, hanno fatto del profitto un valore cardine e dello stato sociale un tabù ed hanno pure il coraggio di chiedere alle persone di lavorare gratis.

Comodo, troppo comodo. Posso pensare di fare il volontario per  gestire delle calamità, per portare conforto a persone in ospedale o case di riposo, ma per fare un lavoro impiegatizio… beh

In mio tempo ha un valore, le mie capacità hanno un valore quindi pagateli! Non sono io a pensarla così, ma lo stesso sistema che signori come la Merkel hanno contribuito a creare ed imporre. Continua a leggere

Trieste: Godina chiude. Titolare e dipendenti in lacrime dopo l’annuncio

Sofferta riunione nello storico negozio triestino d’abbigliamento con il personale che si è stretto attorno alla famiglia I sindacati: tagliati fuori dal circuito delle promozioni, non li hanno aiutati

Leggi articolo

BUSTA PAGA SHOCK DEL LAVORATORE, RENZI VAI A CASA

I “mitici” 80 euro di Matteo Renzi? Un trucco. Un’illusione. Lo si era già capito, ma ora c’è la prova, un fatto incontestabile che nessuno potrà smentire. E’ stato un lavoratore dipendente a sbugiardare Matteo Renzi, ieri a “La Gabbia”, mostrando un documento inoppugnabile: la sua busta paga di aprile 2014.

Nella busta paga, sventolata fra le mura dello studio televisivo di Gianluigi Paragone, sono scritte nero su bianco due riduzioni: una di 60 euro sulla detrazione per il lavoratore dipendente, una di 20 euro sulla detrazione per il figlio a carico.

Morale della favola: il lavoratore si è trovato 85 euro in meno in busta paga, rispetto a quella del mese precedente! Ma niente paura: nella busta paga di fine maggio Renzi le rimetterà… facendole passare per un regalo!

Avete capito ora perché Renzi non “je l’ha fatta” (per usare le sue parole) a dare ai lavoratori dipendenti gli 80 euro in busta paga già ad aprile? Perché doveva prima iniziare a toglierli, per poi poterli rimettere a maggio!

Ma guardate il video: in 30 secondi spiega tutto sugli 80 euro di Renzi come meglio non si potrebbe. (Fonte)

VIDEO

I nazisti ucraini finiscono i feriti

Dal blog di Nicolai Lilin

https://www.youtube.com/watch?v=b3IzeJegskI&app=desktop

Nessuna televisone ha mostrato queste video in cui i nazisti finiscono a mazzate i feriti che si gettano dal palazzo in fiamme. Da giorni invece ci parlano dei separatisti russi e della gloriosa operazione di antiterrorismo che il governo di Kiev ha scatenato contro di loro. I giornalisti occidentali complici degli assassini perché con la loro disinformazione e vilgliaccheria offendono l’umanità e la storia. 
Sono certo che non tutti gli ucraini sono i nazisti, sono certo che non tutti i manifestanti pro-ucraini che erano presenti agli scontri in Odessa sono violenti. Però nessuno dopo aver visto questo filmato potra negare che tra le fila dei manifestanti pro ucraini ci sono delle squadre naziste assettati di sangue e impazziti dall’odio. Gli attivisti pro-ucraini finiscono a mazzate i civili che si buttano dal palazzo in fiamme. Eccovi la libertà, la democrazia e l’orgoglio nazionale che appoggiano i nostri politici europei, fantocci dei guerrafondai americani e inglesi. Io personalmente in queste azioni non vedo nessuna politica, solo massacro inutile, uno scempio, un’insulto all’umanità.

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 136 follower