• Commenti recenti

    Antonella su Come funziona il Lavoro Occasi…
    Micaela su Come funziona il Lavoro Occasi…
    ilaria su Come funziona il Lavoro Occasi…
    Albatro su Come funziona il Lavoro Occasi…
    giuseppe su Come funziona il Lavoro Occasi…
    Nick Carter su Sobrietà e Austerità
    biobba2013 su Saracena, “l’acqua pubblica co…
    studiocoppi su Sobrietà e Austerità
    Nick Carter su 26.06.2015 Pensiero…
    Albatro su 26.06.2015 Pensiero…
  • Categorie

  • Archivi

  • Più cliccati

Maxiprocesso amianto, 41 alla sbarra

MERCOLEDÌ, 22 SETTEMBRE 2010 – MESSAGGERO VENETO

Pagina 8 – Gorizia

Amianto: ha ripreso il maxiprocesso

Sfilata di testi
________________________________________
Dopo la pausa estiva è ricominciato ieri mattina dinanzi al giudice monocratico del Tribunale di Gorizia Matteo Trotta, il maxiprocesso per le morti causate dall’esposizione all’amianto. Si tratta del più corposo, per numero di imputati e testimoni, dei tanti procedimenti giudiziari avviati dinanzi al Tribunale monocratico del capoluogo isontino in relazione ai decessi di ex operai che lavoravano per l’ex Italcantieri o per ditte operative sempre nei cantieri navalmeccanici monfalconesi: gli imputati sono infatti ben 41, tutti accusati di omicidio colposo. L’udienza, apertasi alle 9.30 e conclusasi dopo le 16, è stata caratterizzata ancora una volta dalla sfilata dei testimoni dell’accusa. In questo maxiprocesso figura come noto una lista lunghissima di testimoni (oltre 400) della quale fanno parte, in particolare, ex operai che in un periodo che va dagli anni Sessanta ai primi anni Novanta avevano lavorato nei cantieri.
Sono stati quattro in tutto i testi esaminati ieri: due di essi erano stati dipendenti diretti dell’ex Italcantieri, gli altri due lavoravano per le ditte in appalto, ma sempre all’interno degli spazi cantieristici navalmeccanici di Monfalcone. Attraverso le domande del pubblico ministero Valentina Bossi ci si è addentrati nel dettaglio delle modalità di lavoro dell’epoca con riferimenti anche a quello che era l’utilizzo dell’amianto. Si è parlato di un utilizzo delle fibre di amianto che si era protratto fino alla metà degli anni Ottanta. Il processo riprenderà a questo punto la prossima settimana, il 28 settembre, e le udienze successive si svolgeranno il 30 settembre e poi il 4, il 12, il 26 e il 28 ottobre. Insomma, una calendarizzazione a “tappe forzate”, vista la quantità di testimoni che dovranno essere ancora esaminati. Tutte le udienze da qui alla fine di ottobre saranno dedicate ancora all’esame dei testi dell’accusa.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: