• Commenti recenti

    Antonella su Come funziona il Lavoro Occasi…
    Micaela su Come funziona il Lavoro Occasi…
    ilaria su Come funziona il Lavoro Occasi…
    Albatro su Come funziona il Lavoro Occasi…
    giuseppe su Come funziona il Lavoro Occasi…
    Nick Carter su Sobrietà e Austerità
    biobba2013 su Saracena, “l’acqua pubblica co…
    studiocoppi su Sobrietà e Austerità
    Nick Carter su 26.06.2015 Pensiero…
    Albatro su 26.06.2015 Pensiero…
  • Categorie

  • Archivi

  • Più cliccati

Nichi Vendola: perchè non “spacca”?

Vendola, è inutile negarlo, si presenta bene: carismatico, concreto, intelligente…sa parlare ai giovani, è stato riconfermato in una carica(presidente della regione) per cui si presume che abbia lavorato bene fornendo dei risultati…

Eppure vedo che non convince, non è quel leader d’impatto di cui la sinistra ha bisogno, almeno non per ora.

I personaggi di potere del PD, come d’Alema, lo avversano, fatto che ai miei occhi lo fa apparire in luce migliore donandogli un certo alone di affidabilità, ma questa è solo una mia personale opinione.

Al tempo stesso, noto che non convince una bella fetta degli elettori della sinistra, non riesce a conquistare la base ed è qui che qualcosa mi sfugge: cosa manca a qusto “uomo nuovo” della politica italiana?

Io sono, per natura, diffidente nei confronti di chiunque e, a dirla tutta, non è tra i politici che andrei a cercare un brav’uomo o un amico sincero, però non riesco a cogliere cosa ci sia in Vendola che lo renda peggiore dei suoi colleghi.

Forse il fatto che sfrutta i media come farebbe un politico di destra?

Forse il suo coming out è stato un po’ troppo sbandierato, tanto da apparire una trovata pubblicitaria?

Annunci

Una Risposta

  1. Interessante riflessione. Per quanto mi riguarda sono allergico ai “salvatori della patria”, e nel caso di Vendola alla sua “beatificazione”.
    Vendola è il prodotto di una sinistra furbastra, opportunista e manovriera, una sinistra che ha rotto con la tradizione del movimento operaio, che appunto non si fa scrupoli sull’uso dei media, punta alla personalizzazione della politica, cosa che è propria della destra e gioca le sue carte in casa altrui, ovvero non si propone quale leader di una sinistra autonoma, ma addirittura, si guardi al caso delle primarie da lui invocate, come uomo di tutto il centrosinistra. Lo fa perché, sa che il PD è un partito acefalo e perché il popolo di sinistra, mancando alternative valide, ha bisogno come il pane di qualcuno che la incarni. Insomma Nichi è per me un mestierante che recita a soggetto.
    Inoltre fuori dall’analisi politica, di lui non sopporto il suo stile retorico, profetico, poetico, pomposo , sorta di “dannunzianesimo di sinistra”, nel tentativo, molto in stile berlusconiano di raccontare una realtà a sua misura e fare si che questo racconto diventi patrimonio di tutti, sia esso stesso la realtà.
    A proposito del suo coming out, è ormai chiaro che ci marcia sopra da almeno trent’anni.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: