• Commenti recenti

    Antonella su Come funziona il Lavoro Occasi…
    Micaela su Come funziona il Lavoro Occasi…
    ilaria su Come funziona il Lavoro Occasi…
    Albatro su Come funziona il Lavoro Occasi…
    giuseppe su Come funziona il Lavoro Occasi…
    Nick Carter su Sobrietà e Austerità
    biobba2013 su Saracena, “l’acqua pubblica co…
    studiocoppi su Sobrietà e Austerità
    Nick Carter su 26.06.2015 Pensiero…
    Albatro su 26.06.2015 Pensiero…
  • Categorie

  • Archivi

  • Più cliccati

    • Nessuna

Proposta della CGIL sul fisco

Per un fisco equo e giusto.

Ridurre il carico fiscale sul lavoro dipendente e sulle pensioni, scaricando su altre fonti di reddito la ricerca di risorse necessarie e al tempo stesso lavorare seriamente per contrastare l’evasione fiscale. E’ attorno a questi punti, che secondo il Segretario Generale della CGIL, Guglielmo Epifani, è necessario lavorare per una riforma fiscale equa e giusta. “Chiediamo di colpire i grandi patrimoni” ha ribadito il leader della CGIL, in occasione del primo confronto, avvenuto ieri (20 ottobre), tra Governo e parti sociali sulla riforma fiscale. Quando si hanno poche risorse a disposizione è necessario fare una scelta “devi dare a qualcuno e prendere da qualche altra parte. Se non si fa così – ha spiegato Epifani – non si va avanti”.

Avviato ieri al Ministero dell’Economia, il processo per arrivare alla revisione del sistema tributario. Le parti sociali, torneranno ad incontrare il Governo tra tre, quattro giorni. Per ora sono stati delineati i contorni di tale riforma, che prevedrebbe “un’attenzione prioritaria alla famiglia, senza impegnare il potenziale gettito che potrebbe arrivare dall’evasione fiscale, prima di averlo incassato, e non toccando la tassazione dei bot”, una riforma che passerà attraverso tre fasi: la raccolta di dati e la loro analisi; una legge delega in Parlamento e infine, una serie organica di decreti allegati.

“Vogliamo i fatti. Adesso siamo ancora alle parole”. Ha commentato al termine del tavolo il Segretario Generale della CGIL,  che ha aggiunto “è necessario guardare ad un intervento sulle rendite finanziarie, la cui difesa finirebbe per reiterare una logica di ‘vecchie gerarchie’ mentre serve, invece, liberare ‘nuove energie’”. “Bisogna fare in fretta – ha concluso Epifani – perchè una parte delle risposte non può andare troppo in là. Da qui a due, tre anni c’è una parte del Paese che paga più tasse di tutti, una parte che non ce la fa”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: