• Commenti recenti

    Antonella su Come funziona il Lavoro Occasi…
    Micaela su Come funziona il Lavoro Occasi…
    ilaria su Come funziona il Lavoro Occasi…
    Albatro su Come funziona il Lavoro Occasi…
    giuseppe su Come funziona il Lavoro Occasi…
    Nick Carter su Sobrietà e Austerità
    biobba2013 su Saracena, “l’acqua pubblica co…
    studiocoppi su Sobrietà e Austerità
    Nick Carter su 26.06.2015 Pensiero…
    Albatro su 26.06.2015 Pensiero…
  • Categorie

  • Archivi

  • Più cliccati

Part-time? No Grazie!

E le RSU che dicono?

Da un paio di giorni sono stato contattato da alcuni colleghi dell’ oramai ex turno part-time che mi hanno posto una questione in tono concitato e preoccupato:

come mai nessun lavoratore part-time è stato convocato dall’azienda durante questo periodo di ‘riapertura’ dello stabilimento?

La rotazione dei lavoratori prevista per questo periodo è forse da ritenersi circoscritta solo ai ‘full-timers’?

Associata a questa domanda mi è stata comunicata una forte preoccupazione riguardo a certe ‘brutte voci’ che stanno girando — credo riguardo ad una ennesima storia di esuberi, ma non mi è stato detto di più —.

Mi è stato chiesto anche che cosa ne pensano le RSU, ed io ho risposto che non lo posso sapere.

Ho suggerito ai colleghi di porre delle domande sul blog o in assemblea. Sul blog  io la mia parte l’ho fatta, in assemblea penso possano anche fare  un po’ da soli.

Per quanto, a titolo personale,  di essere chiamato dall’azienda non me può fregare di meno anzi, preferisco lavorare a 500 euro mensili come LSU piuttosto che gratis per la Eaton (vedi la strana storia dei presunti anticipi), ho ritenuto doveroso che la questione saltasse fuori.

Devo sottolineare che oramai da tempo la sensazione di essere discriminati si è impossessata dei lavoratori part-time, quindi basta poco per agitare gli animi.

D’altronde come darci torto? Non potremmo fare LSU (in teoria), prendiamo meno indennità di cassa, meno anticipi sul nostro tfr.

Di essere oramai un mero esubero personalmente  lo do per scontato, ma in effetti  non mandarei affatto giù il fatto di fargliela passare proprio così liscia e senza mettere mano ad un po’ di cassa.

 

Annunci

6 Risposte

  1. Chi mi conosce sa da che parte pendo, sia politicamente sia ideologicamente, credo che la mia risposta sia dettata dalla realtà in qui viviamo, non ho detto che percepire il 50% della retribuzione sia giusta caro Albatro, ma è la situazione in qui viviamo.
    Ti ricordo che nel momento in qui si è chiuso il turo a 18 ore, Max ha chiesto a tutti in quale turno volessereo lavorare e molti hanno deciso di venire a 26 ore.
    In un secondo momento quando si è dato avvio alla mobilità incentivata lo stesso Max ha avuto molta difficoltà a trovare personale disponibile a lavorare a 40 ore, tano è vero che l’Azienda voleva coinvolgere le RSU per sensibilizzare le persone e noi giustamente abbiamo declinato perchè non di nostra competenza.
    Vedi molti si sono trovati esclusi ma alteri e ti dico tanti hanno deciso di attuare un concetto di vita giusto a quel tempo, “lavoro tanto basta per mantenermi”.
    La situazione oggi è figlia anche di quelle decisioni personali, credo che le RSU abbiano sempre difeso l’interesse di tutti, e per questo non possiamo dividerci sui problemi personali o di nicchia.
    Tutti percepiscono il 50% della retribuzione e non è perchè lo voglia io ma perchè il governo “BERLUSCONI” ha deciso di inserire i massimali nella cig.
    Tutti sono in una situazione di difficoltà, e credo che dividerci oggi sia l’inizio della nostra sconfitta, penso inoltre che il compito delle RSU sia coalizzare tutti sullo stesso problema, arrivare ad una rotazione oggi è l’obiettivo delle RSU senza distinguere se uno è part time o full time, ma basandosi sul fatto che tutti siamo operai della eaton e tutti hanno il stesso diritto di lavorare.
    Credo infine che battersi contro le ingiustizie non significa andare contro i mulini a vento ma concretamente pianificare e programmare le iniziattive per un risultato possiblie.
    Ieri ho seguito la trasmissione porta a porta e ho scoperto che gli operai di pomigliano percepiranno otto mesi di CIG in deroga, noi ne abbiamo ottenuto i2, il merito è di tutti che avete creduto nell’operato delle RSU e della Fiom.
    Oggi penso che non si debba cambiare la linea decisa assieme, anzi credo che essa vada tenuto e vadano evitati tutti i contrasti tra i 30 part time e i 180 full time che oggi sono esclusi dal lavoro, uniti si vince divisi si perde.

  2. La risposta che sollecita >l’amica< (ci son arrivato, scusa sono un po' tardo….) Chickenfoot, sta solo nella testa dell'azienda, tra il "santa-santorum" delle persone che hanno qualche potere decisionale.
    Eaton ostacolerà il più possibile la rotazione, l'ha già fatto in altri stabilimenti, così chi è dentro non le/gli resta che appiattirsi il più possibile sull'azienda, quelle/i che rimangono fuori una parte mollerà l'osso, altri aspetteranno, mentre qualcuno terrà duro, provando ogni strada, compreso quelle legali, anche se con la nuova norma inserita nel "collegato lavoro", grazie ai sindacati collaborazionisti, ci saranno poche alternative oltre che l'indennizzo.
    Eaton capisce solo la logica dei muscoli, il caso di Massa è eloquente. Per quanto ci riguarda già all'inizio della crisi si era paventato il pericolo di ritorsione occupazionale verso i part-tima, le RSU hanno bloccato ogni ipotesi negativa, così sarà per il futuro, del resto Livio l'ha spiegato chiaramente. Ogni giorno la sua croce. Non mettiamo il carro davanti ai buoi, certamente per molti di noi il domani non sarà roseo, ma bisogna mantenere i nervi saldi e passo a passo scegliere le strade ritenute migliori per uscire da 'sto casino.

  3. Sì, tutto bene, ma non si capisce ancora se il fatto che tra i lavoratori richiamati all’attività non ci sia un solo part time sia solo un caso o risponda a qualche tipo di scelta o di criterio. Esiste una risposta chiara e precisa a tale quesito?

  4. Concordo con Livio nel dire che siamo tutti nella stessa barca, part-time,full-time,chiamati e non al lavoro.Bene comuncue che anche l’ex turno week si faccia sentire.E’ chiaro che l’azienda ha chiamato chi gli stava comodo però dei sentori strani girano.
    Comuncue ripeto trovo giustissimo che si ponga il problema anche per un domani..anche perchè non ho ancora letto nessun accordo dove si dice che i ex week debbano andar a casa in caso di esuberi e fin che non vedrò alcun straccio di accordo sono parte integrante essenziale di questa azienda.

  5. Scusa Livio ma certe volte quando rispondi mi sembri uno del Pdl ad un talk show. Ti sembra normale la storia dell’indennità di Cig?
    Ti ricordo che:

    1) Il part-time per molti non è stata una scelta, ma un adattamento(guarda le liste per passare a 40 ore, spesso ignorata)

    2) Se guardi la legge dice chiaro e tondo che noi dovevamo prendere l’80% dello stipendio come tutti, perchè ci devono venir calcolate le ore notturne: io ci ho messo 2 visite al provveditorato, 3 all’inps e 2 al patronato e solo dopo circa un mese è saltata fuori la storia del riproporzionamento dei massimali in su ore settimanali, questo in base a norme interne all’inps e non fonti legislative, tanto è vero che nessuno ne sapeva niente. Non mi sembra poi così normale.
    Anche su come il calcolo sia stato fatto ci sarebbe da ridire. Perchè i massimali di cig sono stati applicati prima di riproporzionare sulle ore e non dopo?
    In ogni caso anche se in questo periodo prendessimo il 800 invece che 600 euro, si tratterebbe solo di un minima parte di quello che abbiamo versato in tasse e contributi vari allo stato in 10-20 anni di lavoro. I soldi della Cig sono nostri! Non ci vengono regalati.

    Per quanto riguarda gli LSU non vedo cosa c’entri la tua osservazione.

    Sul fatto che i part-time siamo stati esclusi o meno dalla rotazione, a dire il vero non ne so niente, mi sono limitato a porre una questione sotto delle specifiche richieste.

  6. Per quanto riguarda l’indennità di cig, dipende dal fatto ci scelte che ogniuno ha fatto, se uno ha deciso di impegnare meno del proprio tempo al lavoro è normale che prenda l’indennità in percentuale, lo era cosi anche quando il lavoro non mancava.
    Per quanto riguarda gli LSU, l’Azienda ha sposato la nostra richiesta, quella di dare possibilmente priorità ai lavoratori che non godevano degli stessi.
    Mentre sulla rotazione le RSU non hanno mai escluso i Part Time, e penso che essi non debbano essere dichiarati esuberi, fin quando l’Azienda non li dichiari, credo comunque che anche in quel occasione le RSU non accetteranno immobili, alle provocazioni dell’Azienda e pertanto ogni dichiarazione della stessa verrà discussa e votata in assemblea.
    Certo che oggi si verifica l’anomalia sui Part Time e questa verrà discussa appena si avrà l’incontro con la Direzione Aziendale, una cosa non deve passare comunque una battaglia fra poveri che porta ad una sconfitta di tutti.
    Mi sembra normale che i problemi vadano affrontati volta per volta ma sono certo che essi non possano avere delle priorità rispetto ad altri, ricordo che un mese e mezzo fà nessuno di queste questioni non venivano affrontate e discusse perchè non esistevano.
    Ricordo che fuori alla finestra ci sona anche cento full time che aspettano una chiamata, perciò il problema riguarda tutti e non solo una parte di lavoratori-

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: