• Commenti recenti

    Antonella su Come funziona il Lavoro Occasi…
    Micaela su Come funziona il Lavoro Occasi…
    ilaria su Come funziona il Lavoro Occasi…
    Albatro su Come funziona il Lavoro Occasi…
    giuseppe su Come funziona il Lavoro Occasi…
    Nick Carter su Sobrietà e Austerità
    biobba2013 su Saracena, “l’acqua pubblica co…
    studiocoppi su Sobrietà e Austerità
    Nick Carter su 26.06.2015 Pensiero…
    Albatro su 26.06.2015 Pensiero…
  • Categorie

  • Archivi

  • Più cliccati

    • Nessuna

Fincantieri ennesimo infortunio.

GIOVEDÌ, 04 NOVEMBRE 2010 – IL PICCOLO

Pagina 6 – Gorizia

INFORTUNIO NELLA NUOVA PANEL-LINE DELLO STABILIMENTO NAVALE DI PANZANO

Operaio ferito, scattano 2 ore di sciopero

Escluse complicazioni per il dipendente diretto Pietro Carnese, carpentiere di 28 anni

Imprigionato con una gamba tra un rullo e un pannello mentre spostava una lamiera nella nuova panel-line: un infortunio simile a quello che nell’aprile 2009 era costato la vita al croato Juko Jerko, ha visto coinvolto ieri un dipendente diretto di Fincantieri, il carpentiere Pietro Carnese, 28 anni. L’uomo è stato soccorso dall’ambulanza di servizio nello stabilimento e trasferito all’ospedale di San Polo. I controlli ai quali è stato sottoposto non hanno rilevato complicazioni, tanto che già oggi Carnese potrebbe essere dimesso con una prognosi di pochi giorni. Ma sono state la dinamica dell’incidente e l’analogia con l’episodio mortale del 2009 a far scattare la protesta della Rsu che ha proclamato uno sciopero nelle ultime due ore di ogni turno. «A un anno e mezzo dall’infortunio nella nuova linea pannelli e che ci ha visto piangere il nostro collega Jerko – scrive la Rsu Fim-Fiom-Uilm – la realtà si è riproposta. Due coincidenze troppo simili perché si possano attribuire al caso. Un lavoratore Fincantieri è rimasto infatti imprigionato con la gamba tra la rulliera e una lama durante lo spostamento di un pannello. Un pannello che non avrebbe dovuto muoversi ma, rimasto agganciato a un secondo manufatto, avanzava causando l’incidente. Il lavoratore è stato ricoverato all’ospedale. Questo grave episodio è emblematico e mette in evidenza il comportamento dell’azienda sulle disposizioni di sicurezza, sottolineando ancora una volta come principale responsabile delle violazioni delle regole sia Fincantieri. Passa, con queste logiche sempre più pressanti, l’idea che sia il profitto al centro dell’interesse aziendale, e non i lavoratori».

Fincantieri, dal canto suo, declina ogni responsabilità sull’accaduto. In una lettera affissa in bacheca nello stabilimento l’azienda rileva come «l’infortunio è riconducibile a comportamenti di singoli soggetti non consoni alle regolari modalità di lavoro che hanno originato condizioni di non adeguata sicurezza. In particolare – rileva l’azienda – il posizionamento dei pannelli sulla linea è stato attuato non rispettando le necessarie distanze tra pannelli al fine di consentire il corretto impiego delle attrezzature utilizzate per la traslazione. L’azienda si riserva di adottare i provvedimenti necessari nei confronti dei responsabili dell’accaduto». (f.m.)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: