• Commenti recenti

    Antonella su Come funziona il Lavoro Occasi…
    Micaela su Come funziona il Lavoro Occasi…
    ilaria su Come funziona il Lavoro Occasi…
    Albatro su Come funziona il Lavoro Occasi…
    giuseppe su Come funziona il Lavoro Occasi…
    Nick Carter su Sobrietà e Austerità
    biobba2013 su Saracena, “l’acqua pubblica co…
    studiocoppi su Sobrietà e Austerità
    Nick Carter su 26.06.2015 Pensiero…
    Albatro su 26.06.2015 Pensiero…
  • Categorie

  • Archivi

  • Più cliccati

Gorizia: continuano le occupazioni studentesche

MERCOLEDÌ, 17 NOVEMBRE 2010 – IL MESSAGGERO VENETO

Pagina 2 – Gorizia

Prosegue l’agitazione nei licei

Studenti, occupata anche la sede dell’Isit

L’altra notte i ragazzi si sono introdotti nell’ala dell’istituto riservata al “Fermi”

Non è stato ostacolato lo svolgimento delle lezioni: 250 si sono divisi fra la lettura dei quotidiani, la proiezione di film e il ripasso di argomenti oggetto di studio. Oggi il corteo a Trieste

Anche gli studenti del polo tecnico si sono uniti alla protesta: nella tarda serata di lunedì i ragazzi dell’Isit hanno occupato l’ala della sede di via Puccini riservata al Fermi, in modo tale da potere svolgere le attività alternative senza ostacolare lo svolgimento delle lezioni.

Sono sempre sotto “assedio” anche il vicino polo sloveno e i licei scientifico e classico: con oggi l’agitazione dovrebbe concludersi, con il gran finale a Trieste, in occasione della manifestazione indetta per il pomeriggio dall’Unione degli studenti. Non si svolgeranno iniziative a Gorizia: i manifestanti hanno preferito unirsi ai colleghi del resto della regione.

Fallito nei giorni scorsi il tentativo di autogestione, i ragazzi del polo tecnico non si sono persi d’animo e sono riusciti a entrare nello stabile dopo i corsi serali, come raccontano i portavoce dei manifestanti: «In circa 250 ci siamo sistemati nell’ala del Fermi, organizzando varie attività. Ci siamo divisi – si affrettano a precisare – fra la lettura di gruppo dei quotidiani, la proiezione di film e il ripasso di argomenti di studio. Abbiamo parlato con il vicepreside, Gonanno, tranquillizzandolo sulle nostre intenzioni di lasciare uno spazio a chi voglia fare lezione».

Anche ieri gli occupanti dei due licei si sono mantenuti in stretto contatto, con l’intenzione di lasciare liberi i rispettivi edifici oggi, per partecipare in massa al corteo che partirà alle 14.30 da piazza Goldoni a Trieste verso piazza Unità.

Al classico Dante sono intervenuti, ieri mattina, i docenti Zotti, Sokol e Caldarera, che hanno dibattuto assieme a circa 150 studenti della riforma. Oggi la discussione proseguirà nella mattinata, con la partecipazione della docente di inglese Letizia, che si concentrerà sul precariato, e con una rappresentanza della Cgil. Inoltre, gli studenti hanno intenzione di realizzare un documento, spiegano i rappresentanti.

«Vorremmo mettere nero su bianco i nostri problemi, con una lettera – ci tengono a sottolineare – da far firmare anche ai docenti e ai rappresentanti dei genitori. Sarebbe un modo per ribadire che l’occupazione di questi giorni è stata proficua, fermo restando che abbiamo deciso di occupare soltanto l’auditorium per lasciare le porte aperte a tutti e per non impedire ai non interessati di andare a lezione».

Allo scientifico Duca degli Abruzzi ha fatto tappa ieri mattina il presidente della Provincia, Enrico Gherghetta, che ha parlato con i ragazzi della riforma, del futuro dei giovani e di problematiche sociali. Infine, ha dato la sua disponibilità per organizzare un’assemblea con i ragazzi, per approfondire ulteriormente le tematiche. Sempre nella sede centrale dell’istituto, in piazza Julia, le attività ricreative continueranno questa mattina. Inoltre, interverranno alcuni esponenti di Emergency.

Gli occupanti dei vari poli scolastici cittadini hanno concordato sulla volontà di porre fine alla protesta con oggi, lasciando le rispettive scuole in ordine, anche se un’assemblea straordinaria è prevista per stamattina nell’istituto d’arte Fabiani: i ragazzi, che già ieri si sono riuniti, devono decidere il da farsi.

Francesca Santoro

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: