• Commenti recenti

    Antonella su Come funziona il Lavoro Occasi…
    Micaela su Come funziona il Lavoro Occasi…
    ilaria su Come funziona il Lavoro Occasi…
    Albatro su Come funziona il Lavoro Occasi…
    giuseppe su Come funziona il Lavoro Occasi…
    Nick Carter su Sobrietà e Austerità
    biobba2013 su Saracena, “l’acqua pubblica co…
    studiocoppi su Sobrietà e Austerità
    Nick Carter su 26.06.2015 Pensiero…
    Albatro su 26.06.2015 Pensiero…
  • Categorie

  • Archivi

  • Più cliccati

    • Nessuna

GLOBALE LA CRISI

Cassa integrazione per 600 mila
In Fvg oltre 23 milioni le ore di Cig, sono quasi 12mila i lavoratori a zero ore

GLOBALE
LA CRISI

Secondo un rapporto della Cgil nel Paese si è superato il miliardo di ore con in media 7500 euro in meno in busta paga

ROMA Sono numeri che fanno impressione. Oltre 1,1 miliardi di ore di cassintegrazione, quasi 600.000 lavoratori coinvolti, con un taglio alla busta paga mediamente superiore ai 7500 euro. Per un ammontare complessivo che supera i 4 miliardi di euro.

Le cifre della Cig, elaborate dalla Cgil sui dati dell’Inps, nei primi undici mesi del 2010 non lasciano molti dubbi sulla profondità della ferita inferta dalla crisi al mondo del lavoro, in particolar modo nella meccanica, nel commercio e nell’edilizia, ovvero nei settori che da soli hanno fatto richiesta per oltre 650 milioni di ore di Cig, lasciando a casa oltre 300.000 lavoratori.

Industria e commercio sono i settori più colpiti dalla cassa integrazione, così come, a livello geografico, Lombardia e Piemonte sono le Regioni che devono contare il maggior numero di lavoratori lasciati a casa, anche a zero ore.

Al Sud la Regione più colpita è la Puglia, mentre al centro è il Lazio. In Friuli Venezia Giulia sono 23.514.607 le ore di cassa integrazione maturate dall’inizio dell’anno (i lavoratori equivalenti a zero ore in regione sono 11.997). Più grave la situazione in Veneto (118.456.300 ore) anche per le dimensioni di un tessuto di piccola e media industria fortemente colpito dalla crisi.

I settori con incrementi maggiori sono il metallurgico +396,8% (che resta quello con l’aumento maggiore), il legno +334,3%, il meccanico +248,1%, l’edilizia +189,2%, carta e poligrafiche +145,6% e il commercio +52,9%. Ma se i dati di novembre mostrano una flessione del 10% rispetto al mese di ottobre, l’incremento dei primi 11 mesi del 2010 sullo stesso periodo del 2009 rimane deciso: +37,8%. E se sul totale delle ore si registra una progressiva diminuzione degli strumenti ordinari, la cassa in deroga (cigd) copre una fetta rilevante del totale del monte ore.

Ed è per questo che la Cgil, attraverso il segretario confederale, Vincenzo Scudiere, lancia un allarme proprio per il finanziamento della cassa in deroga: «per l’anno in corso sono molti i lavoratori che non ricevono il contributo economico nei tempi previsti e lo stanziamento autorizzato per il prossimo potrebbe non coprire i costi, visto che le ore di Cigd sono aumentate del 248,8%, mentre lo
stanziamento riflette la stessa cifra del 2009».

Il 2010, secondo il sindacalista, «è stato l’anno in cui lavoratori e imprese hanno raschiato il fondo del barile e le prospettive, senza scelte di politica economica e industriale, non sono positive».

Negli 11 mesi, considerando un livello medio di ricorso alla Cig, circa 1,63 milioni di lavoratori sono finiti in cassintegrazione ordinaria, straordinaria e in deroga.

Se invece si considerano i lavoratori a zero ore per tutto il 2010, non hanno varcato i cancelli delle fabbriche in 569.992 lavoratori, di cui 179.197 in cassa in deroga.

Si tratta di una «situazione economica e sociale insostenibile per milioni di lavoratori», come denuncia il rapporto della Cgil, visto che ogni lavoratore a zero ore ha perso in questo periodo oltre 7.516 euro.

«Dati spaventosi», per i consumatori, che chiedono al Governo di mettere mano con decisione a politiche economiche adeguate.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: