• Commenti recenti

    Antonella su Come funziona il Lavoro Occasi…
    Micaela su Come funziona il Lavoro Occasi…
    ilaria su Come funziona il Lavoro Occasi…
    Albatro su Come funziona il Lavoro Occasi…
    giuseppe su Come funziona il Lavoro Occasi…
    Nick Carter su Sobrietà e Austerità
    biobba2013 su Saracena, “l’acqua pubblica co…
    studiocoppi su Sobrietà e Austerità
    Nick Carter su 26.06.2015 Pensiero…
    Albatro su 26.06.2015 Pensiero…
  • Categorie

  • Archivi

  • Più cliccati

    • Nessuna

Monicelli: ‘La vita? Ora avventura schifosa’

Esce postuma l’ultima intervista del grande regista

ROMA- ”Si, la vita e’ una bella avventura, tanto bella ma quella che sto io vivendo adesso pero’ e’ una avventura di merda, un’avventura schifosa che non vorrei vivere, mi sembra di vivere in un mare di pus in questo mio scorcio di vita, con questa generazione bianca, selvaggia, proterva, corrotta, pronta a sopraffare, e’ una bruttissima avventura che vorrei scomparisse presto e rapidamente”. Questo uno dei passi, tra i piu’ drammatici, dell’ultima intervista (il 24 novembre scorso, cinque giorni prima di suicidarsi) di Mario Monicelli concessa al direttore della rivista mensile ‘Teatro e cinema contemporaneo’ (edita da ‘Le lettere’) Gianfranco Bartalotta che uscira’ nei prossimi giorni.

”Se uno vuole raccontare la vita cosi’ com’e’ non la puo’ raccontare sempre e solo drammatica, tragica, disperata con grida e pianti in quanto in essa ci sono anche elementi di ironia, di comicita”’, spiega ancora Monicelli . ”Cosi’ non si puo’ sempre raccontare di una vita facile, divertente, perche’ prima o poi – aggiunge il regista de ‘I Soliti Ignoti’ – si incontrano in essa i dolori che fanno comprendere di che tempra, di che misura, e’ l’uomo, ed e’ li che si rivela la sua qualita”’.

Il resto dell’intervista e’ dedicata da Monicelli a diversi momenti della sua carriera, quasi un riepilogo dei momenti piu’ significativi, partendo dal genitore autore drammatico, di orientamento socialista. Poi, i ricordi felici dell’infanzia e degli studi in Toscana, tra Viareggio e la Versilia, molto meno felici gli anni del fascismo e della guerra. ”L’amore per il cinema nasce nel dopoguerra – prosegue Monicelli nel suo racconto – Sono stato attratto dal mezzo magico, meraviglioso, assai popolare. Feci l’esperienza dilettantistica de ‘I ragazzi della via Pal’ che mi laureo’ filmaker. Quindi ho cominciato con il cinema senza piu’ lasciarlo”.

Il discorso prosegue sulle valenze della ”commedia all’italiana” definita acre e pungente, categoria assente nel neorealismo. ”La sostanza – osserva il regista – e’ pero’ drammatica. Un film come ‘Amici miei’ e’ un film sulla vecchiaia, la morte, la fine”. A un certo punto, la conversazione si concentra su Toto’ di cui vengono magnificate le doti. Il ricordo e’ dei film fatti con lui, ”sempre grande, un maestro che sorprendeva sempre per le sue battute fatte di scatti e intonazioni impareggiabili”.

L’intervista e’ un lungo percorso in cui Monicelli non si tira mai indietro nel giudicare il buono e il cattivo dei suoi film. Su tutti elegge ‘L’armata Brancaleone’, a suo avviso, simbolo della degradazione degli ideali cavallereschi e dell’amor cortese. Monicelli e’ lucido, preciso, vivace nei giudizi: ”Ho aperto gli occhi con ironia, con garbo, e qualche volta con tratti un po’ duri, all’Italia che viveva il boom e facevo capire che bisognava stare attenti che si poteva andare a gambe all’aria. Come infatti e’ finito”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: