• Commenti recenti

    Antonella su Come funziona il Lavoro Occasi…
    Micaela su Come funziona il Lavoro Occasi…
    ilaria su Come funziona il Lavoro Occasi…
    Albatro su Come funziona il Lavoro Occasi…
    giuseppe su Come funziona il Lavoro Occasi…
    Nick Carter su Sobrietà e Austerità
    biobba2013 su Saracena, “l’acqua pubblica co…
    studiocoppi su Sobrietà e Austerità
    Nick Carter su 26.06.2015 Pensiero…
    Albatro su 26.06.2015 Pensiero…
  • Categorie

  • Archivi

  • Più cliccati

Democrazia e decadenza in Italia

Questo articolo l’ho tradotto da un sito d’opinione e discussione legato al New York Times. Il testo originale in Inglese potete trovarlo -> QUI <- . e -> QUI <-. Impietosa e realistica analisi.

Introduzione

Silvio BerlusconiLa carriera e la vita privata del Primo Ministro Italiano Silvio Berlusconi è stata fonte di scandalo per tutto il tempo in cui lui è stato sotto gli occhi del pubblico.

Nell’ultimo scandalo , conversazioni  telefoniche intercettate suggeriscono che questo Sig. Berlusconi   è stato implicato in rapporti con  Karima el-Mahroug, una ballerina di  nightclub, sin da quando era minorenne. Un indagine è stata  aperta  su base di alcune dichiarazioni secondo le quali Mr. Berlusconi pagò Ms. Mahroug ed altre donne per rapporti sessuali.

Tuttavia, secondo un recente sondaggio, meno del 50% degli italiani vogliono le sue dimissioni . Il suo futuro politico sembra, per il momento, al sicuro.

Ma perchè gli Italiani, specialmente le donne, tollerano le pagliacciate di Berlusconi per tanto tempo?  Esiteste un punto limite di sopportazione per gli Italiani?

Un pecccato che non può essere perdonato

di  Alexander Stille , professore di giornalismo internazionale alla Columbia University.

Silvio Berlusconi è stato coinvolto in oltre una dozzina di scandali negli untimi 17 anni.  Dalle recenti accuse  di frequentare prostitute ed interferire con le indagini della polizia, a casi estremamente gravi di corruzione che hanno portato alla condanna di alcuni suoi stretti collaboratori per crimini che includono  corruzione di giudici, truccare i processi, falsa testimonianza e collusione mafiosa.

Ma perchè gli Italiani lo sopportano, nonstante le schiaccianti prove della sua turpitudine morale?

Questa paradossale situazione  è diventata normale per gli Italiani, come l’ occhio  che si adatta al buio.

Praticamente in qualsiasi altra democrazia, tutto questi fatti sarebbero stati sufficienti a porre fine alla carriera di un politico.

Ma gli Italiani sono profondamente cinici riguardo i loro leader politici. Credendo che ” tutti lo fanno” ,  è possibile  farsi convincere che esporre i crimini e  trasgressioni di Berlusconi, possa veramente essere un segnale che egli sia stato messo all’indice per essere perseguitato.

Questo punto di vista viene sostenuto da una consistente parte dei  media italiani controllati da Berlusconi. Anche i canali mediatici che lui non posside direttamente  o sono intimoriti o sono sotto la sua influenza.

Molte delle prove nell’attuale scandalo (come quelle in passato) non sono state trasmesse nei notiziari della TV di stato italiana, che assieme ai networks controllati da Berlusconi, intrattiene quasi il 90%  del mercato in un paese in cui il 70-80% della popolazione attinge informazioni principalmente dalla televisione.

Anche la mancanza di una forte e credibile opposizione è un indispensabile pre-requisito per capire la tenuta di potere di Berlusconi. La coalizione  di centro- sinistra di  Romano Prodi, eletto nel  2006, era composta da nove differenti partiti  che litigavano costantemente durante la breve vita del governo, aprendo la strada al ritorno di  Berlusconi nel 2008.

Prima di  Berlusconi, non si era mai posto il problema se porre o meno delle restrizioni su proplemi etici come il conflitto di interessi o l’utilizzo illecito di informazioni. Quando Berlusconi venne eletto per la prima volta nel 1994, si accettò che l’uomo più ricco del paese, il più grande proprietario di media ed  indagato per numerosi crimini potesse,  senza vendere nessuna delle sue proprietà, governare il  paese, sovraintendere alla più grande rete mediatica dello stato e riscrivere le leggi penali.

Sembra essere una conseguenza alquanto naturale che lui usi le risorse del governo per i suoi fini personali, incluso purgare la TV di stato da coloro che hanno osato criticarlo.

Col passare del tempo, questa situazione profondamente anomala è giunta col sembrare normale agli italiani, proprio come l’occhio che si abitua all’oscurità.

Gli italiani non si sono mai resi conto che la guida di un politico ‘privato’ possa avere  gravi conseguenze sul ‘pubblico’ . I politici italiani dei quali si dice abbiano un folto gruppo di amanti vedono il loro pubblico prestigio salire invece che scendere. L’ Italia è, per certi versi, una società profonfamente sessista. I media italiani ( grazie in buona parte a Berlusconi) sono innondate da immagini di nudità femminili, che sono spesso degradanti e fortemente basate sullo sfruttamento, questo viene tollerato dagli uomini e dalle donne allo stesso modo.

L’italia è in coda al resto d’Europa per quanto riguarda l’occupazione femminile e parità sul sesso.  E quindi quando emerge  che Berlusconi è stato a letto con prostitute fornite da un contraente del governo, o può essere implicato con prostitute minorenni; molti italiani — donne come  uomini — minimizzano il tutto come un affare meramente privato che è stato ingiustamente esposto al pubblico giudizio.

Detto questo, la catena di scandali, apparentemente senza fine, che si è aperta durante l’ultimo governo Berlusconi, al governo  dal 2008,  ha fatto i suoi danni,  ed ha creato  seri problemi a Berlusconi, anche con coloro che in passato lo hanno sostenuto.  Ciò non è dovuto ad una repulsione morale per le azioni di Berlusconi, ma piuttosto al prendere atto che i suoi problemi personali hanno dominato il dibattito pubblico e reso impossibile per lui ed il suo governo concentrarsi sui problemi reali del paese che sono molti ed importanti.

La fissazione ossessiva di Berlusconi per depotenziare il sistema giudiziario italiano ed emanare leggi immunitarie per proteggere se stesso dai procedimenti giudiziari, ha paralizzato il Parlamento e creato a ragion veduta l’impressione che i suoi affari personali vengano prima di qualsiasi altro problema:

Questo è un peccato che l’opinione pubblica italiana non può perdonargli.

Annunci

3 Risposte

  1. Rocco Siffredi difende Berlusconi: «Gli italiani sono fieri di lui»

    La pornostar: se riesce a evitare la galera sarà perdonato; io faccio sesso metà della metà della metà di quanto fa lui
    Il Messaggero.it, 23/01/2011

    Ipse dixit

  2. Il Mediterraneo brucia: Algeria, Tunisia, Egitto, Grecia, Albania, manca solo l’Italia, mandiamo a casa il nostro faraone.

  3. Mi permetto di aggiungere il link alla pagina Wikipedia di Stille:
    http://it.wikipedia.org/wiki/Alexander_Stille

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: