• Commenti recenti

    Antonella su Come funziona il Lavoro Occasi…
    Micaela su Come funziona il Lavoro Occasi…
    ilaria su Come funziona il Lavoro Occasi…
    Albatro su Come funziona il Lavoro Occasi…
    giuseppe su Come funziona il Lavoro Occasi…
    Nick Carter su Sobrietà e Austerità
    biobba2013 su Saracena, “l’acqua pubblica co…
    studiocoppi su Sobrietà e Austerità
    Nick Carter su 26.06.2015 Pensiero…
    Albatro su 26.06.2015 Pensiero…
  • Categorie

  • Archivi

  • Più cliccati

Resoconto Assemblea Eaton 16.03.2011

Stabilito un profilo di accordo con l’azienda

Dopo 10 ore di trattative si è giunti ad un ‘accordo, per ora  solo verbale; il tutto verrà rattificato in un futuro incontro tra il 20 ed il 22 di questo mese.

In risposta alle richieste dell’azienda visionabili QUI , dopo una estenuante braccio di ferro, questi sono i risultati ottenuti:

  1. La direzione prevede un layout (capacità produttiva dello stabilimento) di 3 linee a flusso continuo e 4 presse, con un impiego di 90-100 lavoratori a regime. A vista delle RSU la presenza di 4 presse implica un volume produttivo di almeno 4  linee, nel prossimo incontro si cercherà di fare pressione su questo punto
  2. E’ stata accettato l’impiego a rotazione di tutti i lavoratori dello stabilimento. L’effetiva rotazione verrà verificata dalle RSU e verrà fatta nel modo più razionale possibile, tenendo conto dei volumi produttivi. I periodi non operativi verranno coperti dalla CIGS per un periodo di 12 mesi.
  3. I lavoratori part-time verranno assorbiti nel ciclo produttivo a rotazione. A tal fine verrà loro proposto un cambio contrattuale che implica un passaggio da 26 a 24 ore settimanali. Le condizioni contrattuali non dovrebbero cambiare. Passando da 26 a 24 ore si dovrebbero perdere circa 40 euro dall’indennità di cassa e tra i 100-150 euro di paga mensile a pieno lavoro.  Chi decidesse di rimanere a 26 ore non potrà essere integrato nel ciclo produttivo, ma rimarrebbe comunque in CIG. Il passaggio non è obbligatorio.
  4. Il contratto integrativo non verrà toccato. Le RSU si sono impegnate a congelarlo per un anno, quindi a non chiedere aumenti nei prossimi 12 mesi. Il costo del lavoro sarà ridotto dall’azienda tramite la detassazione dei premi produzione.
  5. Sullo smantellamento dei macchinari si è stabilito di far rimuovere una sola pressa, sulle due richieste dall’azienda.

L’assemblea si è conclusa con vari interventi mirati ad avere delucidazioni e con un invito finale da parte di Alessandro Perrone a non abbassare le difese, in  fondo ancora niente è stato scritto, e non sarebbe la prima volta che la multinazionale non onori gli accordi presi, anche se siglati di fronte alle istituzioni.

La trattativa è stata molto dura, muro contro muro, se si è ottenuto qualcosa lo si deve anche alla presenza dei lavoratori che hanno presidiato sotto la pioggia la sede dell’Assindustria durante l’incontro.

Il particolare il direttore Giarmanà sembra sia rimasto particolarmente provato dagli esiti dell’incontro, manifestando un certo risentimento sul piano personale…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: