• Commenti recenti

    Antonella su Come funziona il Lavoro Occasi…
    Micaela su Come funziona il Lavoro Occasi…
    ilaria su Come funziona il Lavoro Occasi…
    Albatro su Come funziona il Lavoro Occasi…
    giuseppe su Come funziona il Lavoro Occasi…
    Nick Carter su Sobrietà e Austerità
    biobba2013 su Saracena, “l’acqua pubblica co…
    studiocoppi su Sobrietà e Austerità
    Nick Carter su 26.06.2015 Pensiero…
    Albatro su 26.06.2015 Pensiero…
  • Categorie

  • Archivi

  • Più cliccati

    • Nessuna

RESOCONTO DELL’INCONTRO DEL 22 MARZO

Mi scuso con tutte e tutti i lavoratori, per il ritardo del resoconto, sull’incontro tenutosi presso l’Associazione degli industriali a Gorizia con la classe padronale.

Mi appare chiaro che la discussione si debba fare nell’assemblea dei lavoratori che si terrà il giorno 28 marzo dalle ore 14.00 alle ore 16.00, ma una scrittura di ciò che si è discusso si debba fare attraverso il blog.

Tengo a precisare che il ritardo comunque non ha cambiato il mandato che le lavoratrici e lavoratori, hanno dato con una schiacciante maggioranza nelle assemblee, dove sono stati solo sei astenuti e che due hanno votato contro alla proposta fatta dalla delegazione sindacale.

Pertanto non è stato certamente una volonta della delgazione di sviare e nascondere decisioni che non attendessero al mandato conferito, certamente il ritardo è dato dal poco tempo a mia disposizione a stilare un comunicato per tutte le maestranze, non certo dalla cattiveria che forse qualcuno vuole affidarmi.

La discussione con l’Azienda ha tenuto impegnata la delgazione sindacale dalle 11 alle 21.30, con momenti di tensione che in certi momento hanno rischiato di portare ad una rottura delle trattative, certamente il risultato ottenuto non era scontato, ed è frutto della testardaggine delle maestranze, che con caparbietà hanno portato avanti una battaglia di nervi con òla direzione, per ottenere un minio di garanzia per il futuro del sito di Monfalcone.

Penso che il mandato sia stato rispettato in tuti i suoi punti, messi al vaglio delle assemblee e votati dai lavoratori, mi riferisco al fatto di aver evitato la parola esuberi sia nell’accordo scritto, che tecnicamente, visto che la capacità produttiva delle cinque presse rimanenti nello stabilimento, garantiscono una produzione di 110\115 miala valvole, garntendo la massima occupazione edel personale oggi in forza,con la garanzia del utile che la Direzione Aziendale ha posto come minimo traguardo raggiungibile, di fatto con più di 450 valvole procapite questo viene garantito.

La condizione viene rafforzata dal fatto che la delegazione ha ottenuto la rotazione di tutto il personale oggi in forza, coinvolgendo anche i Partime, esclusi da due anni dal processo produttivo, certo che la decisione di quest’ultimi è individula visto che devono decidere se passare dalle 26 ore attuali alle 24 proposte dalla direzione, decisione che permetterebbe agli stessi di ruotare con gli altri lavoratori.

Per quanto riguarda il secondo livello di contrattazione, premio di risultato, la delegazione ha ottenuto che tutte le voci derivanti dai contratti di secondo livello, vengono congelati garantendo lo stesso ammontare economico ai lavoratori, un risultato non scontato, visto l’insistenza dell’Azienda.

Ultimo punto, ma di estrema importanza, la delegazione ha ottenuto l’anticipo economico della CIGS, pertanto l’Azienda si è impegnata ad anticipare le spettanze ai lavoratori, fino al varo dell’autorizzazione del ministero competente, rimane una condizione legata a questo punto, visto che l’Azienda ha richiesto la partecipazione obbligatoria delle maestranze a corsi che verranno organizzati e studiati, condividendoli con le RSU, una condizione che ha costretto la delegazione ad accettare il ricatto imposto dalla controparte, visto che la partecipazione obbligatoria ai costi era l’unico sistema per avere l’anticipo economico.

Mi pare chiaro che non si poteva fare altrimenti, visto che una condizione essenziale che l’assemblea ha posto alla delgazione trattante, era quella di ottenere l’anticipo delle competenze.

Secondo il mio modesto parere e quello del resto delle RSU, il risultato ottenuto è eccellente, anche se abbiamo dovuto rininciare al 60% delle macchine oggi in stabilimento.

Le RSU chiedono comunque la massima partecipazione di tutte le maestranze all’assemblea del 28 marzo 2011.

Monfalcone 24 marzo 2011                                                                                                                                                         Le RSU Eaton

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: