• Commenti recenti

    Antonella su Come funziona il Lavoro Occasi…
    Micaela su Come funziona il Lavoro Occasi…
    ilaria su Come funziona il Lavoro Occasi…
    Albatro su Come funziona il Lavoro Occasi…
    giuseppe su Come funziona il Lavoro Occasi…
    Nick Carter su Sobrietà e Austerità
    biobba2013 su Saracena, “l’acqua pubblica co…
    studiocoppi su Sobrietà e Austerità
    Nick Carter su 26.06.2015 Pensiero…
    Albatro su 26.06.2015 Pensiero…
  • Categorie

  • Archivi

  • Più cliccati

    • Nessuna

Emergency lascia la Libia “Le bombe non proteggono i civili”

Il drammatico comunicato dalla associazione umanitaria: “A Misurata continua il massacro fino alle porte del nostro ospedale. I malati sono un bersaglio”. “La decisione del governo Berlusconi precipita il Paese in una nuova spirale di violenza”

Il comunicato è durissimo e drammatico. Il messaggio chiarissimo: “Le bombe non proteggono i civili”, fino a far diventare gli stessi malati (e i medici che li curano) “un obiettivo della guerra”. E si conclude con l’amara decisione di Emergency di abbandonare la Libia e riparare a Malta, “in attesa di poter tornare”. Ma conviene lasciare la parola al comunicato dell’associazione, emanato nella tarda serata del 25 aprile, che fa il punto della situazione umanitaria in Libia.

“Il governo italiano – scrive Emergency – continua a delinquere contro la Costituzione e sceglie la data del 25 aprile per precipitare il Paese in una nuova spirale di violenza. Le bombe non sono uno strumento per proteggere i civili: infatti non sono servite a proteggere la popolazione di Misurata. La città di Misurata, assediata e bombardata da oltre due mesi, nelle ultime 24 ore ha vissuto sotto pesantissimi attacchi che hanno raso al suolo quartieri densamente popolati, anche per l’impiego di missili balistici a medio raggio”.

“Ancora una volta a farne le spese è la popolazione civile. Tra sabato e domenica, sono arrivati all’ospedale Hikmat, dove dal 10 aprile lavorava il team chirurgico di Emergency, duecento feriti e oltre sessanta morti. Negli ultimi giorni i combattimenti sono arrivati alle porte dell’ospedale. L’ospedale, i suoi pazienti e i medici che li curano sono diventati un bersaglio della guerra. Per questa ragione lunedì 25 aprile la direzione sanitaria ci ha dato l’ordine di evacuare. I sette membri del team di Emergency sono in questo momento in viaggio verso Malta in attesa di poter riprendere l’intervento umanitario in Libia”.

“Misurata dimostra ancora una volta la vera faccia della guerra. I civili e il personale umanitario sono privi di qualunque protezione. Emergency chiede all’Onu di negoziare un cessate il fuoco e garantire un corridoio umanitario per soccorrere la popolazione civile”.

(25 aprile 2011) la Repubblica.it

http://www.repubblica.it/solidarieta/emergenza/2011/04/25/news/emergency_lascia_misurata-15378550/

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: