• Commenti recenti

    Antonella su Come funziona il Lavoro Occasi…
    Micaela su Come funziona il Lavoro Occasi…
    ilaria su Come funziona il Lavoro Occasi…
    Albatro su Come funziona il Lavoro Occasi…
    giuseppe su Come funziona il Lavoro Occasi…
    Nick Carter su Sobrietà e Austerità
    biobba2013 su Saracena, “l’acqua pubblica co…
    studiocoppi su Sobrietà e Austerità
    Nick Carter su 26.06.2015 Pensiero…
    Albatro su 26.06.2015 Pensiero…
  • Categorie

  • Archivi

  • Più cliccati

    • Nessuna

EUROPA-REGIONI: RINNOVABILI, NUOVI PROGRAMMI UE

ANSA) – BRUXELLES, 28 APR – L’Europa si impegna in due nuovi programmi di ricerca destinati a sviluppare le energie rinnovabili. L’ambito di studio e’ il solare a concentrazione e l’energia marina.

L’Enea partecipa ad entrambi i progetti, lanciati dall’Alleanza Europea per la Ricerca sull’Energia, una struttura voluta dalla Commissione europea per ottimizzare i risultati sfruttando la cooperazione e le conoscenze di vari centri di ricerca ed evitando duplicazioni.

Il programma sul solare a concentrazione coinvolge centri di ricerca di varie nazioni. la Spagna,la Germania,la Svizzera,la Francia e il Portogallo.

Sul fronte italiano, oltre all’Enea, e’ impegnata l’Universita’ di Palermo. Il Commissario dell’Enea, Ing. Giovanni Lelli, ha sottolineato: ”Il lancio del programma congiunto Europeo sul Solare a Concentrazione, che ci vede tra i principali protagonisti, ci permettera’ di collaborare con i principali Centri di Ricerca Europei del settore per arrivare a sviluppare la seconda generazione di una tecnologia che al momento annovera Enea tra i leader mondiali del campo”.

La finalita’ del progetto, cui lavoreranno a tempo pieno 80 ricercatori l’anno, e’ di accelerare lo sviluppo della tecnologia occupandosi di aspetti quali quello dell’utilizzo per la desalinazzazione delle acque, lo stoccaggio termico, la produzione di carburanti attraverso processi termochimici, la valutazione dell’invecchiamento dei componenti.

Il programma di ricerca congiunta prevede un autofinanziamento, in termini di ore uomo, da parte dei vari attori del progetto pari a 6,5 milioni di euro l’anno a cui si aggiunge la condivisione delle infrastrutture esistenti. Di dimensioni piu’ ridotte e’ lo studio sull’energia marina;impegnera’ 33 ricercatori per un investimento di 2,5 milioni l’anno. (ANSA).

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: