• Commenti recenti

    Antonella su Come funziona il Lavoro Occasi…
    Micaela su Come funziona il Lavoro Occasi…
    ilaria su Come funziona il Lavoro Occasi…
    Albatro su Come funziona il Lavoro Occasi…
    giuseppe su Come funziona il Lavoro Occasi…
    Nick Carter su Sobrietà e Austerità
    biobba2013 su Saracena, “l’acqua pubblica co…
    studiocoppi su Sobrietà e Austerità
    Nick Carter su 26.06.2015 Pensiero…
    Albatro su 26.06.2015 Pensiero…
  • Categorie

  • Archivi

  • Più cliccati

    • Nessuna

Marghera: Fame, amarezza e abbandono.

Uniti nella lotta... la lotta per distruggere il lavoro

Amareggiato ma determinato! Questo è lo stato d’animo di Lucio Sabbadin, cassintegrato Vinyls di Marghera che da alcuni giorni porta avanti l’ennesima forma estrema di protesta, lo sciopero della fame assieme ad altri colleghi che in questi giorni sono aumentati di numero.

Amarezza per l’assenza di azioni concrete da parte della politica locale, che non siano la solita solidarietà di circostanza. Lamenta Lucio il senso di abbandono che pervade i dipendenti Vinyls. Abbandono, lo stato d’animo è comune a tutti i dipendenti dei tre siti, Porto Torres, Marghera e Ravenna, uniti dal medesimo destino.

L’assenza di unità di tutti i lavoratori delle aziende che coesistono a Marghera (Polimeri Europa, Syndial, Arkema, Solvay e altre) per Lucio è incomprensibile, vista la storia di unità in tutte le lotte per il lavoro che questo territorio ha sempre dimostrato anche recentemente agli inizi della crisi. “Ci sentiamo tutti i giorni con i colleghi sardi. Ci facciamo coraggio e ci confrontiamo sulle forme di lotta da portare avanti ma l’amarezza è comune, in tutti i presidi di lotta”.

“Continueremo a lottare ma la gente è allo stremo e la politica locale e nazionale ha deluso perché non è andata mai oltre i proclami. Come possiamo fidarci di un Ministro dello Sviluppo Economico” – Paul Romani – “che disattende regolarmente le promesse?”.

Ricordiamo che Romani nel dicembre scorso si spese in prima persona, recandosi in visita lampo all’Asinara e all’impianto di Porto Torres, assicurando che l’operazione Gita era sicura: “non sono mica un pirla a venire qua senza la certezza della riuscita” disse. Smentito dai fatti e da Emanuele Manca, cassintegrato di Porto Torres, che al Congresso Nazionale dei dirigenti CGIL, mesi fa, certificò definitivamente l’epiteto di pirla autoinflittosi dal ministro.

Questo Governo con la vertenza Vinyls ha perso totalmente di credibilità, ammesso che ne abbia mai avuta.

 di Pietro Curis

(02 Giugno 2011)

SEGUI ANCHE: EATON, MOVIMENTO PASTORI SARDI, EUTELIA, AIAZZONE, FIAT E ALTRE VERTENZE

Fonte: www.isoladeicassintegrati.com

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: