• Commenti recenti

    Antonella su Come funziona il Lavoro Occasi…
    Micaela su Come funziona il Lavoro Occasi…
    ilaria su Come funziona il Lavoro Occasi…
    Albatro su Come funziona il Lavoro Occasi…
    giuseppe su Come funziona il Lavoro Occasi…
    Nick Carter su Sobrietà e Austerità
    biobba2013 su Saracena, “l’acqua pubblica co…
    studiocoppi su Sobrietà e Austerità
    Nick Carter su 26.06.2015 Pensiero…
    Albatro su 26.06.2015 Pensiero…
  • Categorie

  • Archivi

  • Più cliccati

117, numero anti-evasione: Che ne pensate?

Secondo un’ inchiesta  de L’Espresso:

C’è e funziona bene. Da Nord a Sud gli operatori della Guardia di Finanza rispondono e raccolgono le denunce dei cittadini. Chi lo conosce sa che è uno strumento valido, utile a contrastare l’evasione ma che va incentivato.

Eppure il Governo fa di tutto per nasconderlo

QUI   è pubblicato il testo dell’inchiesta; apparentemente sembra una buona istituzione, tuttavia già dai primi commenti sul sito de l’Espresso compaiono le prime perplessità es.:

Certo che questo andrebbe bene. Ma in un altro contesto sociale. In un contesto sociale non così corrotto come questo. Se no succede quel che capita adesso, e cioè che a pagare sia il barbiere o il barista, mentre nessuno fa nulla contro la grande evasione, nei confronti della quale il 117 è soltanto un numero, neppure buono per giocarselo al lotto. Non sarebbe ora di finirla con l’abboccare a queste pseudoesche capaci soltanto di alimentare ulteriormente la vecchia guerra tra i poveri e di concentrarsi invece su strumenti meno puerili di questo al fine di cominciare veramente a combattere la grande evasione fiscale. Peccato che ciò implichi un piccolo problema: e cioè che TUTTi i gruppi politici abbiano fra le loro fila la gran parte di coloro che coltivano la grande evasione. E così il cerchio si chiude: a pagare rimangono i soliti fessi che addirittura sgomitano per andare a votare quella accozzaglia di corrotti. Indipendentemente dalle rispettive, discro-monocromatiche, pigmentazioni politiche.

In effetti uno strumento come il 117 si presta a diventare un mezzo di ripicca per becere vendette personali o cattiverie gratuite. Sono anch’io convinto che a pagare siano ‘ il barbiere oppure il barista ‘ mentre la grande evasione difficilmente verrà intaccata. Tuttavia il fatto che il governo tenda a nascondere il 117 è comunque un segnale.

Ora come ora non mi sento di assumere una posizione netta..

 

 

 

Annunci

2 Risposte

  1. Quello che a questo punto mi chiedo è: perchè non usare il 117 per “quell’altro tipo” di baristi e barbieri?

  2. Caro Albatro,condivido il tuo ragionamento ma fino ad un certo punto.Tu dici che alla fine a pagare sono sempre il “barbiere e il barista”.Certamente in un piccolo bar di periferia il suo gestore ha parecchie difficoltà a tirare a campare se ha poca clientela e servendo caffè,birrette e tramezzini,magari tiene famiglia e un mutuo da pagare ed il suo stipendio netto mensile talvolta è inferiore a quello di un’operaio.Se io mi fermo a prendere il caffè in uno di questi bar,e il gestore non mi fa lo scontrino,faccio finta di niente perchè mi immagino le sue difficoltà.Stesso discorso vale per il barbiere di paese.In certi bar e locali alla moda del centro città,tra feste e happy hour vari i soldi se li fanno,e anche molti.Ogni tanto,sopratutto al sabato sera,mi fermo in uno di questi locali per l’aperitivo,e dopo aver letteralmente scavalcato una moltitudine di persone per arrivare al banco e ordinare,mi rendo conto che se battono uno scontrino ogni 50 ordinazioni è già tanto.Anche in questo caso faccio finta di niente,però tra me e me mi incazzo,sopratutto se so che i propietari girano griffati dalla testa ai piedi con suv da 70mila euro e attico da 300mila.Ovviamente stesso discorso vale anche per gli “hair studio”più gettonati.Spesso in questi ultimi locali,i controlli della gdf di solito sono molto rari,e quando ci sono sono molto”soft”.(dipende ovviamente dal giro di clientela che si ha e anche dalle conoscenze),mentre nel baretto di periferia se hai una tartina fuori posto piovono multe paurose.Tirando le somme ,quello che voglio dire è che ci sono baristi e baristi come ci sono barbieri e barbieri,e come sempre non si può fare di tutta l’erba un fascio.
    Per quanto riguarda il 117 della gdf,dove il governo fa di tutto per nasconderlo dico:e come potrebbe essere diversamente,visto che il capo del governo è l’icona vivente dell’evasione fiscale,del falso in bilancio(depenalizzato indovinate da chi?) e della corruzione.
    Saluti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: