• Commenti recenti

    Antonella su Come funziona il Lavoro Occasi…
    Micaela su Come funziona il Lavoro Occasi…
    ilaria su Come funziona il Lavoro Occasi…
    Albatro su Come funziona il Lavoro Occasi…
    giuseppe su Come funziona il Lavoro Occasi…
    Nick Carter su Sobrietà e Austerità
    biobba2013 su Saracena, “l’acqua pubblica co…
    studiocoppi su Sobrietà e Austerità
    Nick Carter su 26.06.2015 Pensiero…
    Albatro su 26.06.2015 Pensiero…
  • Categorie

  • Archivi

  • Più cliccati

Se questo è Welfare…

Misure anti-crisi, Sacconi: “Regole troppo rigide per i licenziamenti”.

Sacconi è ministro del Lavoro… ma anche della Salute e delle Politiche Sociali. Questi ultimi due sostantivi oramai sono sottointesi nei media; non vengono più nominati. Vi ricordate? Poco tempo fa si riunivano con il termine ‘Welfare’ che vuol dire ‘benessere’ o ‘star bene’.

Salute e politiche sociali stanno sparendo. Sulla salute si lesina e si taglia, mentre le politiche sociali, lo ‘stare bene’,  sono oramai un lusso o peggio, nemmeno quello, devono sparire e basta.

Sacconi Ministro del welfare…tanto vale fare Marchionne segretario della Cgil e la Gelmini Ministro dell’Istruzione … oops!

Parlano molto di cresciuta e di occupazione, giustificano le loro posizioni con ferrea logica, ricorrendo all’inappellabile necessità  del momento, si barricano dietro teorie economiche,  statistiche, riformismo…

Ma la verità come la vedo io, vista in un quadro globale, è una sola:

la crisi non passa — tanto che sono convinto che non sia una vera crisi, ma un nuovo status quo — e tutti, giorno dopo giorno, viviamo sempre peggio.

Proprio tutti, anche quel branco di inetti che hanno aperto le chiuse a tutta questa fogna.  In fondo non fanno altro che rovinarsi la vita tra cospirazioni infinite, bunga bunga e chili di coca. Patetiche larve. Non so nemmeno se siano capaci di affetti sinceri.

In fondo l’unica vera differenza tra noi e loro e che a noi non vogliono lasciare alcuna scelta.

Dicono che la prospettiva di vita si è  allungata…

Sì ma quale vita? Già adesso in media  gli ultimi 20 anni vengono passati in una casa di riposo (sempre che uno se la possa permettere), gli ultimi 5-10 spesso tenuti in vita in uno stato catatonico.

Farci vivere a lungo e male, questo è il risultato ultimo.

Vie d’uscita? Ci sono vie d’uscita? Se ci sono credo che oramai possano essere soltanto personali. Una ricetta che vada bene per tutti non c’è, non credo ci sia mai stata.

 

Annunci

Una Risposta

  1. Molte volte rimpiango le brigate rosse….
    Ci vorrebbe veramente una ripulita di questi politici che penzano solo a fare festini e non penzano alle famiglie monoreddito con il rischio di essere licenziati,se mi licenzierebbero la prima cosa che farei sarebbe quello di andarmene a casa loro ( io e la mia famiglia) e gli direi:
    Adesso dagli ri da mangiare….

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: