• Commenti recenti

    Antonella su Come funziona il Lavoro Occasi…
    Micaela su Come funziona il Lavoro Occasi…
    ilaria su Come funziona il Lavoro Occasi…
    Albatro su Come funziona il Lavoro Occasi…
    giuseppe su Come funziona il Lavoro Occasi…
    Nick Carter su Sobrietà e Austerità
    biobba2013 su Saracena, “l’acqua pubblica co…
    studiocoppi su Sobrietà e Austerità
    Nick Carter su 26.06.2015 Pensiero…
    Albatro su 26.06.2015 Pensiero…
  • Categorie

  • Archivi

  • Più cliccati

Art.18 i quesiti in Cassazione

“Cancellare la riforma Fornero”

Tra i promotori erano presenti Antonio Di Pietro (Idv),  Nichi Vendola (Sel), Paolo Ferrero (Rc), Angelo Bonelli (Verdi) e Oliviero Diliberto (Pdci).

Il presidente del Pd, Rosy Bindi, bolla il referendum come “grave errore”

ROMA – Cancellare le modifiche della riforma Fornero all’art.18 dello Statuto dei lavoratori. È questo l’obiettivo del referendum abrogativo presentato stamattina in Cassazione dal comitato promotore. Un’altro quesito è stato proposto per “ripristinare i diritti minimi e universali previsti dal contratto nazionale di lavoro, cancellati dal governo Berlusconi con l’art.8 del decreto legge n.138 del 2011”.

Fanno parte del comitato promotore l’ Idv, Sel, Rc, i Verdi, Pdci, la Fiom – Cgil, i giuristi Pier Giovanni Alleva e Umberto Romagnoli. Le firme cominceranno a essere raccolte il 12 ottobre.

“I quesiti referendari – spiega il leader di Sel, Nichi Vendola, tra i promotori della consultazione – cercano di reinstaurare la civiltà del lavoro che si fonda sul diritto di non essere licenziati senza giusta causa e vogliono abolire la delega che cancella i contratti nazionali e rende i cittadini ricattabili”. Il governatore della Puglia aggiunge poi che “c’è stata un’intera legislatura che ha creato problemi al mondo del lavoro. Non c’è agenda di cambiamento – continua – se non si mette al centro il mondo del lavoro e della precarietà”.

Antonio Di Pietro, leader dell’Idv, parla di programma per le future coalizioni. “Le alleanze – spiega – si fanno sui programmi e questo referendum è un programma su cui allearsi per mettere di fronte alle proprie responsabilità anche chi appoggia il governo Monti”. E poi si rivolge al partito guidato

da Bersani. “Casini – afferma Di Pietro – ha detto che se va al governo mantiene la riforma Fornero. Il Pd deve decidersi: la appoggerebbe o la sostituirebbe?”.

Si dice contraria alla consultazione il presidente del Pd, Rosy Bindi. “Penso che fare in questo momento un referendum – afferma – sull’articolo 18 sia un grave errore”. La Bindi sostiene che non firmerebbe mai i quesiti “perché questa riforma che parte dall’articolo 18 è frutto di una sintesi a cui abbiamo contribuito anche noi come Pd in maniera determinante e perché penso che la modifica all’articolo 18 sia assolutamente europea”.

Pone invece l’accento su una nuova unità a sinistra Oliviero Diliberto, segretario del Pdci. “Oggi la sinistra politica e sociale si ritrova in Cassazione – dice -. I diritti del lavoro stanno subendo un attacco senza precedenti e la nostra risposta deve essere forte e chiara”.

Anche il presidente dei Verdi, Angelo Bonelli, non risparmia critiche all’esecutivo. “Il governo – spiega – ha voluto far credere al Paese che con la riforma contro l’articolo 18 si sarebbero create più opportunità: i fatti ci dicono che non è vero e che si tratta di un attacco gratuito ai diritti dei cittadini”.

A portare un duro attacco al Pd è Paolo Ferrero, segretario di Rifondazione comunista. “Il referendum che abbiamo presentato stamattina – dice – ha un solo obiettivo: difendere i lavoratori e le lavoratrici dai disastri fatti dalla Bindi e dal Pd”.  Secondo Ferrero infatti “è del tutto evidente che senza il voto decisivo del Pd il governo Monti non sarebbe mai riuscito a demolire l’articolo 18”.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: