• Commenti recenti

    Antonella su Come funziona il Lavoro Occasi…
    Micaela su Come funziona il Lavoro Occasi…
    ilaria su Come funziona il Lavoro Occasi…
    Albatro su Come funziona il Lavoro Occasi…
    giuseppe su Come funziona il Lavoro Occasi…
    Nick Carter su Sobrietà e Austerità
    biobba2013 su Saracena, “l’acqua pubblica co…
    studiocoppi su Sobrietà e Austerità
    Nick Carter su 26.06.2015 Pensiero…
    Albatro su 26.06.2015 Pensiero…
  • Categorie

  • Archivi

  • Più cliccati

Caporalato, a Monfalcone fuori le ditte indagate

Sospesi i contratti a Scf e Iso C. Annullati da Fincantieri i badge. Gli operai protestano: «Siamo noi le vere vittime»

di Stefano Bizzi, Il Piccolo

Badge revocati agli operai. È l’effetto collaterale dell’inchiesta “Freework 2” sul caporalato nel cantiere di Monfalcone. Quando ieri mattina i lavoratori delle ditte Scf e Iso C si sono presentati al tornello, non sono riusciti a passare il varco.

I tesserini magnetici erano stati disabilitati. Immediate le proteste delle maestranze che hanno rivendicato il proprio diritto alavorare con un picchetto. In una quarantina hanno presidiato i cancelli in attesa di risposte da parte di Fincantieri.

La risposta è arrivata in tarda
mattinata. Martedì sera la Sait spa, società titolare dell’appalto di coibentazione sulle navi da crociera, ha ricevuto del Nucelo investigativo dei carabinieri di Gorizia l’informativa ufficiale relativa all’inchiesta “Freework 2”. In maniera automatica, la società ha sospeso i contratti di subappalto con Scf e Iso C dando comunicazione anche a Fincantieri che, di conseguenza, ha revocato i pass ai dipendenti delle due ditte.

Le dirette interessate non sarebbero state però avvisate in tempo e alle 5 le maestranze si sono presentate in cantiere dove, con sorpresa, non hanno potuto accedere. Al loro posto, a Panzano, la Sait ha mandato da
Napoli il personale della Eurocoib. Ovvia la frustrazione dei lavoratori. In gran parte si tratta di stranieri, ma nel gruppo non mancano gli italiani. «Fino a che abbiamo fatto comodo, ci hanno tenuti. Ieri (martedì, ndr) abbiamo lavorato fino alle 22. Ora la Sait ci manda via senza nemmeno darci un minimo di preavviso. Siamo noi le vittime dei subappalti», dicono rivendicando con orgoglio il loro ruolo («Noi sappiamo soltanto una cosa: le navi le abbiamo fatte noi, con il nostro sudore»). I lavoratori difendendo anche le ditte di cui fanno parte: «Scf e Iso C hanno sempre pagato puntualmente i nostri stipendi il giorno 26 di ogni mese. Se vogliono mandare fuori gli indagati, a noi va bene, ma cosa c’entriamo noi dipendenti? In questa storia qualcosa non quadra».

I lavoratori si domandano il motivo per cui, per completare l’appalto, Sait abbia mandato l’ennesima ditta esterna anziché riassorbire loro che a Monfalcone già c’erano. In passato, in casi analoghi, in effetti, per dare continuità al lavoro, veniva chiamato un curatore esterno che si occupava della gestione ordinaria della ditta indagata. Considerata la materia delle indagini coordinate dal pm Michele Martorelli (secondo l’accusa tra le varie ipotesi di reato c’è la frode allo Stato; le ditte coinvolte avevano creato una rete per per scambiarsi gli dipendenti: li licenzivano e li riassumeno allo scopo di ottenere gli incentivi previsti per il riassorbimento) il passaggio degli operai da Scf o Iso C a una terza ditta apparirebbe come minimo inopportuno.

 

 

2 Risposte

  1. Perché non è stato applicato il protocollo di legalità nei confronti di sait? La sait non poteva non sapere. La legge in questi casi non è uguale per tutti.

  2. E ci risiamo. La sait e la fincantieri non si toccano, i deboli si.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: